Visita ortopedica

Medico Ortopedico

La visita ortopedica permette al medico specialista di diagnosticare alterazioni o malattie dell’apparato muscolo-scheletrico (ossa, articolazioni e muscoli) e del sistema nervoso periferico.

Essa viene generalmente richiesta per le seguenti patologie:

  • Sistema Muscolare: Contratture, contusioni, elongazioni, lesioni muscolari, miositi ossificanti
  • Sistema Capsulo-ligamentoso : meniscopatia, meniscosi, lesioni meniscali e lesione ligamentose.
  • Sistema Tendineo: Tendiniti, tendinosi, lesioni tendinee, morbo di De Quervain, sindrome di Dupuytren, fascite plantare, distorsione.
  • Sistema Osteocartilagineo: Epitrocleite, epicondilite, gonartrosi, lomboartrosi, cervicoartrosi, rizzoartrosi, coxartrosi, fratture da stress, esiti di fratture, capsuliti adesive, periartrite scapolo-omerale, stiloidite radiale.
  • Sistema Bursale: Cisti di Baker, borsite olecranica, borsite rotulea.
  • Sistema Neurale: Neuroma plantare, sindrome del tunnel carpale, cervicobrachialgia e lombosciatalgia da discopatia, esiti di ictus.
  • Esiti interventi chirurgici osteomioarticolari.

La visita comincia con un’accurata anamnesi del paziente ricostruendo la sua storia clinica: vengono esaminate eventuali malattie in famiglia, traumi pregressi e operazioni chirurgiche effettuate. Questa prima fase è molto utile per identificare anche i piccoli dettagli che possono fare la differenza per elaborare una diagnosi veramente precisa. Successivamente il medico eseguirà l’osservazione e la palpazione dell’area interessata compiendo anche dei test per valutare:

  • Forza muscolare;
  • Postura;
  • Escursione delle articolazioni;
  • Riflessi.


Infine lo specialista, per approfondire ulteriormente il caso, potrà richiedere ulteriori esami tra i quali:

  • Radiografia
  • Ecografia
  • Risonanza magnetica
  • Esami di laboratorio
  • Elettromiografia
Share by: